LA CRISI DELL’ EUROPA MEDIOEVALE

Intorno al 1300 l’ Europa é in crisi,gli elementi che misero in crisi l’ Europa  erano  la peste,l abbassamento della temperatura,un grande calo demografico, economico, culturale, religioso, ribellioni e guerre.

LA PESTE: Si diffuse in Europa intorno al  XIV e XV secolo, e si sviluppò nell’ Asia centrale e si diffuse in Europa attraverso le vie carovaniere e le navi, che trasportavano insieme alle merci  anche i ratti neri che erano portatori di questa malattia.

La malattia  si manifesto’ con dei bubboni sotto le ascelle, inguine e collo, nausea, convulsioni e vomito.

Alcuni abitanti cercavano rifugio nelle campagne, invece altri si affidavano ad amuleti e stregoni. A volte facevano delle processioni per implorare la Vergine e gli altri santi che i loro territori non venissero  contaminati, una delle più famose e quella dei flagellanti dove delle persone si percuotevano con delle fruste di cuoio la schiena.

Tutta la colpa fu riversata sugli Ebrei accusati di aver rinnegato e ucciso Gesù e di aver scatenato l’ ira divina. L’ABBASSAMENTO  DELLA TEMPERATURA:L’ abbassamento della temperatura causò l’arresto economico.

A volte le temperature erano cosi basse da essere definite piccole glaciazioni, il freddo causava delle malattie respiratorie,  la maggior parte della popolazione era denutrita e mangiava

solo cereali poveri che non erano ricchi di vitamine e proteine,  quindi non erano in grado di reggere alle epidemie  e soprattuto alla terrible pestilenza.

CALO DEMOGRAFICO:Il calo demografico causò la riduzione delle attivita produttive sia nelle campagne sia nelle città, visto che la popolazione era molto ridotta quindi era diminuita anche la richiesta di prodotti agricoli, questo portò al crollo dei prezzi e aveva fatto aumentare la disoccupazione

RIBELLIONI: Le ribellioni erano fatte specualmente dai ceti piú poveri come operai e salariati.

Li animava un desiderio di cambiamento  un’ intollerabile  insofferenza, per le loro condizioni economiche.

Le rivolte solo raramente diventarono dei veri e propri movimenti come  accadde a Firenze con il Tumulto dei Ciompi nel 1378.

LE GUERRE:Ci furono molte guerre ma quella  che piú mando l’Europa in rovina fu la guerra dei cento anni che coinvolse Inghilterra e Francia.

L’ origine delle ostilita’ fra i due stati  risaliva al x secolo con il Ducato di Normandia dove si erano insediati i Normanni. Il duca di Normandia era vassallo del re di Francia.

Essere vassalli del re di Francia significava  pagare pesanti tasse e aiuto in caso di guerra.Percio’ nel 1066 il Duca Guglielmo il Conquistatore sbarcò in Inghilterra per formarvi il regno Normanno, ma questo non sopportava di essere vassallo del re di Francia.

Da allora i re inglesi cercarono di impadronirsi della corona di Francia, il momento  favorevole fu quando morì l’ ultimo della stirpe dei Capetingi.

Cosi il re di Inghilterra Edoardo III rivendico’ la corona di Francia, da allora ebbe inizio una guerra che durò cento anni (1337-1453).

All’ inizio del xv secolo gli Inglesi si dimostrarono piú forti dei Francesi.

La superiorità degli Inglesi era dovuta alle nuove tecniche di guerra, una di queste era quella del uso dell’arco lungo con cui gli arceri Inglesi colpivano i cavalli  dei nemici cosi quest’ ultimi rimanevano appiedati e ostacolati da una  pesante corazza.

La Francia colpita dalla peste da altre malattie e dalle ribellioni  dei contadini fu costretta a firmare un contratto di pace.

Nel 1429 una giovane pulzella (giovanetta)Giovanna d’ arco

che si diceva inviata da Dio parti alla testa di un piccolo esercito e riuscì  a conquistare la città Orléans col passare del tempo i Francesi riuscirono a riorganizzarsi  e nel 1453 riuscirono a riconquistare i territori perduti  e anche quelli che appartenevano agli Inglesi da secoli.

Agli Inglesi gli rimase solo la città di Calais un importante porto sulla Manica.

Tutte queste malattie, guerre,ribellioni e un tremendo calo demografico mandarono l’ Europa in crisi.

Share this post

Post Comment