P.O.N. 2014 / 2020 – Modulo: “Respiro… in Codice” – “La Robotica”.

P.O.N. 2014 / 2020 – Modulo: “Respiro… in Codice” – “La Robotica”.

I Ragazzi dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Leonardo da Vinci”, nel corso del progetto P.O.N. “Digito… Ergo Sum”, Modulo “Respiro… in Codice”, hanno deciso di Realizzare un Articolo sulla Robotica.

 

LA ROBOTICA

La robotica educativa, a volte chiamata anche microrobotica, è un metodo che consente ai bambini di imparare grazie ai robot. Insegna ai bambini e ai ragazzi a realizzare un robot partendo da zero e a programmarlo.

La robotica educativa è anche un metodo grazie al quale studiare in maniera pratica e divertente le materie STEM, le materie scientifiche, imparare le basi della programmazione, imparare a usare la logica e a risolvere problemi di difficoltà crescente (si forma così quello che viene chiamato pensiero computazionale, che è anche uno degli obiettivi del coding).

All’inizio parlavamo di come il coding a scuola possa essere ancora più divertente se fatto con i robot. Qual è la differenza? Con il coding il risultato di un esercizio viene visto su uno schermo. Parlavamo poco fa di un gioco il cui obiettivo è quello di far compiere ai robot di guerre stellari una serie di compiti individuando la giusta sequenza di blocchi di programmazione. Se utilizziamo un robot, l’esperienza è molto simile solo che l’esito può essere visto dal vivo, nel comportamento del robot stesso.

In molte scuole del mondo la robotica educativa si avvale soprattutto di kit robot da costruire o di robot umanoidi come robot Nao, che gli studenti possono programmare usando un software intuitivo come Choregraphe. Parliamo di ambienti di programmazione semplici, quelli che consentono la programmazione a blocchi, senza conoscere una sola riga di codice.

Per i più piccoli vengono utilizzati robot educativi come Bee BotBlu

Bot o i robot Clementoni, come Doc robot, Cyber robot o Evolution robot.

IL TEAM.

Share this post

Post Comment